subscribe: Posts | Comments

Restiamo umani. Video e cena di autofinanziamento 16 aprile 2012

0 comments
Restiamo umani. Video e cena di autofinanziamento 16 aprile 2012

Il Collettivo Experia organizza una serata di informazione e di autofinanziamento sull’impegno politico e sociale di Vittorio Arrigoni.

Lunedì 16 aprile 2012 alle ore 21.00 saremo ospiti del Nievski, in via alessi 15 a Catania.

Restiamo umani, è il racconto dell’attività politica di Vittorio Arrigoni attraverso immagini e video-proiezioni.
Ad un anno dalla notizia dell’uccisione di Vittorio Arrigoni, attivista del ISM International Solidarity Movement, vogliamo raccontare il suo impegno con le immagini del suo lavoro e riparlare della questione della palestina oggi oscurata dalla guerra in Libia e dall’emergenza pianificata degli sbarchi dei migranti.

Segue cena di autofinanziamento a cura del Collettivo Experia.
Ringraziamo la Trattoria Nievski per averci offerto a titolo gratuito i locali.

Dal sito ufficiale del Forum Palestina:

Vittorio è stato ucciso. Il gruppuscolo salafita che lo aveva rapito ieri mattina non ha nemmeno atteso la scaadenza che aveva fissato per stasera. La polizia di Hamas lo ha trovato morto, foese soffocato. Due persone sono state arrestate, una terza viene ricercata.
Vittorio Arrigoni, attivista di 36 anni,vicino ai palestinesi per scelta, da anni a Gaza, unica voce libera da quell’inferno a cielo aperto, è stato ucciso. Il suo corpo è stato trovato in un appartamento di Gaza City dai miliziani di Hamas, nel cuore della notte. I sequestratori avevano fissato per le 16 di oggi per il rilascio dei loro «confratelli» detenuti, pena l’uccisione dell’ostaggio. Yiab Hussein, portavoce del ministero dell’Interno del governo di Hamas a Gaza, ha reso noto che Vittorio sarebbe stato soffocato qualche ora prima del blitz. Ieri sera era stato diffuso un video su youtube in cui si vedeva Vittorio legato, bendato, ferito forse da percosse, trattenuto per i capelli. A rivendicare c’era lala Brigata Mohammed Bin Moslama, sigla quasi sconosciuta della galassia salafita di Gaza, in qualche modo affine ad Al Qaida. Nel video scorreva una sovraimpressione in arabo che lo accusava di propagare i vizi dell’Occidente fra i Palestinesi, imputava all’Italia di combattere contro i Paesi musulmani e ingiungeva a Hamas di liberare i salafiti detenuti nella Striscia entro 30 ore (le 16 italiane di oggi).
Secondo Hussein, le indagini hanno portato all’arresto d’un primo militante salafita, che ha rivelato dove si trovava “il covo”: un appartamento nel rione Qarame. Una breve sparatoria ha portato alla cattura di un secondo salafita. Vittorio però era già morto.
Hussein ha espresso la volontà di Hamas di «stroncare ora tutti i componenti del gruppo» dei rapitori e ha condannato l’uccisione di Arrigoni – indicato come «un amico del popolo palestinese» – definendola «un crimine atroce contro i nostri valori».
«Ci sono forze che vogliono destabilizzare la Striscia di Gaza, dopo anni di stabilità e sicurezzà. E ha inoltre ipotizzato che gli ultraintegralisti – negli ultimi due anni ci sono stati tentativi di sollevazione contro Hamas, come quello represso nel sangue nel 2009 nella moschea-bunker di Rafah – abbiano sequestrato Arrigoni non solo per cercare di ottenere il rilascio dei loro compagni arrestati, ma anche perchè ideologicamente ostili alla presenza di stranieri e “infedeli”.
In qualche misura è anche un gesto contrario al possibile arrivo della nuova Freedom Flotilla. Arrigoni è stato il primo straniero a essere rapito a Gaza dopo il giornalista britannico della Bbc Alan Johnston, circa quattro anni fa, da un altro gruppo locale simpatizzante di Al Qaida, l’Esercito dell’Islam, e liberato dopo 114 giorni di prigionia e lunghe trattative.
L’attivista italiano erano molto noto a Gaza dove lavorava per conto dell’International Solidarity Movement. Aveva partecipato in passato alla missione di una delle prime flottiglie salpate per sfidare il blocco marittimo imposto da Israele.
Questo il link del suo blog, da cui informava il mondo su quel che accadeva a Gaza, aggiornato con passione unica fino all’altro ieri, poche ore prima d’essere rapito.
http://guerrillaradio.iobloggo.com/

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>