Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on 19 Nov 2014 in catania, collettivo experia, internazionalismo | 1 comment

A fianco della Resistenza dei popoli, contro l’imperialismo.

A fianco della Resistenza dei popoli, contro l’imperialismo.

 

 

Come comunisti e antimperialisti esprimiamo la nostra solidarietà con la resistenza curda in Kobane. Sosteniamo la lotta per difendere la comunità curdo dal gruppo armato reazionario ISIS, la cui entrata nella regione è stata facilitata e supportata sia dalle potenze imperialiste che dalle potenze regionali ad esse asservite, Arabia saudita, Qatar e Turchia in testa. Sono stati loro ad a armare, finanziare e addestrare gruppi come l’ISIS al fine di aumentare le violenze settarie e il caos in tutto il medio-oriente, in maniera funzionale alle logiche di espansione e comando degli Stati uniti e dei suoi alleati.

L’effetto di tale strategia è visibile a tutti: l’unità degli stati mediorientali è stata minata fin nelle sue più intime fondamenta, l’unità politica del popolo arabo dalla Siria all’Iraq drammaticamente compromessa.

Per queste ragioni, come collettivo comunista riteniamo che dagli aiuti imperialisti – dai loro aerei e dalle loro bombe – non potrà mai scaturire alcun riscatto sociale e politico reale.

L’imperialismo mira unicamente al controllo delle risorse della zona.
L’uso che i governi occidentali stanno facendo della causa kurda è meramente strumentale a tale obbiettivo, serve a consolidare la loro presenza e i loro interessi nell’area.

Appoggiare l’eroica resistenza curda in Kobane vuol dire anche dipanare e denunciare il groviglio complesso di interessi divergenti che gravano su quella particolare area geografica, senza cadere nell’errore (commesso più e più volte in passato) di banalizzare il conflitto o semplificarlo fino a renderlo irriconoscibile.

Raccogliendo le parole e gli appelli dei compagni del Fronte popolare per la liberazione della Palestina affermiamo che: “È la lotta dei nostri popoli uniti che può confrontarsi e raggiungere la vittoria sull’imperialismo, sul sionismo e sulle forze reazionarie, vere fonti di terrore nella regione, che cercano di mantenere la loro egemonia saccheggiando le risorse del nostro popolo”

 

Da Kobane alla Palestina
un solo grido “America assassina”

Un solo alleato: i popoli in lotta,
un solo nemico: l’imperialismo

 

 

Collettivo Experia Catania
19 novembre 2014

 

 

1 Comment

  1. segnalo su “CSA Arcadia I curdi da Ocalan ai peshmerga di Gianni Sarrtori

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *