Pages Menu
TwitterRssFacebook
Categories Menu

Posted by on 11 Mar 2015 in lotte e resistenza, palermo | 0 comments

Grave intimidazione ai militanti del Centro Anomalia e Centro Sociale ExKarcere​ di Palermo.

Grave intimidazione ai militanti del Centro Anomalia e Centro Sociale ExKarcere​ di Palermo.

 

Grave il provvedimento che la procura di Palermo ha notificato ieri (9 marzo 2015), emettendo 17 obblighi di firma giornalieri a danno dei militanti e compagni di Palermo che da anni si impegnano nelle lotte sociali. Il tentativo di criminalizzare le lotte attraverso l’uso dei reati associativi, è quello di mettere a tacere ed isolare le lotte, le stesse che la lucidità e la capacità dei compagni di Palermo è riuscita a sostenere in questi anni nei quartieri, nell’università e nella scuola.

Esprimiamo la nostra solidarietà e sostegno ai compagni e le compagne di Palermo, e pubblichiamo il loro comunicato in merito a questo grave procedimento repressivo.

La solidarietà è un’arma!!

 

“Tutti i protagonisti destinatari di questi provvedimenti – dicono dal Centro Anomalia – sono da 10 anni in prima fila nelle lotte sociali per il diritto allo studio,alla casa, al lavoro, per i diritti civili e contro la guerra. Un dato più che mai significativo: l’accusa pare essere non quella relativa alla radicalità della nostra politica bensì quella di una associazione a delinquere “classicamente” intesa come “criminale”. Per noi la traduzione di questo teorema della procura è essere accusati di avere manifestato ripetutamente come studenti, precari, lavoratori, disoccupati per la rivendicazione di diritti sociali nella nostra città”.

“Ci riconosciamo, e sempre lo faremo, nel diritto, di cui finora ci siamo avvalsi, di poterci organizzare in maniera collettiva per creare nella città in cui abitiamo e nei luoghi che attraversiamo nella vita quotidiana momenti di dibattito e appuntamenti di piazza nel corso dei quali abbiamo la possibilità di informare la cittadinanza intera su quali sono le nostre istanze e qual’è la nostra visione della realtà. Ciò che in tutti questi anni abbiamo fatto è discutere e cercare in maniera collettiva soluzioni e alternative alle politiche delle varie amministrazioni e dei governi che hanno generato impoverimento delle classi subalterne, annichilimento della coscienza e impoverimento del sapere accademico. Privarci di tale possibilità significherebbe privarci della possibilità di dare un’alternativa a questo stato di cose che sappiamo bene non essere da tutti condiviso”.

“Non è un caso che buona parte dei fatti contestati si riferisce a stagioni di grandi mobilitazioni sociali – aggiungono – come quelle studentesche contro la Riforma-Gelmini. A queste abbiamo partecipato perchè convinti della profonda ingiustizia insita in tali politiche; lo abbiamo fatto, del resto, insieme ad altre decine di migliaia di persone che ci hanno conosciuto e riconosciuto al loro fianco”.

“La formula repressiva adottata nei nostri confronti non ci farà comunque desistere dal creare continui momenti collettivi di discussione e di lotta perché crediamo fermamente nella necessità e nella ‘bontà’ di questi, della loro utilità nella realizzazione di un’alternativa allo stato reale votato all’impoverimento della maggioranza della popolazione”.

“Continueremo a mantenere attive le tante e partecipate attività dei nostri centri sociali che sono punto di riferimento per tutti i giovani e tutte le famiglie dei quartieri popolari, a indire appuntamenti di piazza a cui tutta la città continuerà a partecipare, a creare momenti di confronto reale e critico all’interno delle nostre facoltà convinti che casa.lavoro,reddito e istruzione siano diritti fondamentali di cui tutti devono poter godere in maniera indiscriminata, che esistano altri modi di gestire gli spazi pubblici e vivere il sapere e che esista in generale un altro modo di intendere la realtà circostante che grazie alla partecipazione condivisa ha la possibilità di realizzarsi proprio attraverso questi momenti e in questi appuntamenti”.

“Alla luce di ciò invitiamo le realtà politiche, associazionistiche e la cittadinanza intera – concludono – a partecipare a un’assemblea cittadina che si terrà domani alle ore 19.00 al Centro sociale Ex Karcere e in cui oltre a portare la solidarietà si provvederà a ideare e realizzare le giuste forme di mobilitazione cittadine contro tale teorema giudiziario. Richiederemo attraverso la mobilitazione di piazza la libertà immediata di tutti gli attivisti su cui grava tale misura repressiva che va a violare la libertà di critica e di manifestazione del diritto politico”.

 

Il teorema della procura tende ad equiparare l’attività politica dei centri sociali in questi anni nella città di Palermo a delinquenza comune, ipotizzando una associazione a delinquere.
Un gravissimo precedente per le lotte sociali per il diritto allo studio, al lavoro, alla dignità, ai diritti civili, che si sono svolte e si svolgeranno nei prossimi anni nella città’ di Palermo.

Un gravissimo attacco a chi tutti i giorni nelle strade e nei quartieri di Palermo si impegna per il miglioramento della qualità della vita nei quartieri popolari e protesta contro le politiche dei governi e delle amministrazioni che tendono ad impoverire larghi strati di popolazione.

Una gravissima restrizione delle libertà di manifestazione e di attività politica per la quale chiamiamo tutta la Palermo delle lotte sociali, della solidarietà, delle realtà’ politiche e sociali, ad esprimere solidarietà agli imputati e a rispondere collettivamente.

LIBERI TUTTI!
LE LOTTE SOCIALI NON SI ARRESTANO!

MERCOLEDI’ 11 MARZO ALLE ORE 19
ASSEMBLEA CITTADINA AL CENTRO SOCIALE EXKARCERE
(in via San Basilio 17 – Palermo)

 

 

Post a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *